Skip to main content

Sostegno all’imprenditoria femminile, nasce un nuovo progetto per il Lazio

04
Apr, 2022

Nasce nel Lazio un nuovo sostegno di imprenditoria femminile. A comunicarlo è direttamente l’Associazione degli Artigiani e delle Imprese di Roma e Provincia

Sostegno Imprenditoria Femminile, il nuovo contributo a fondo perduto

Rispetto a quanto elaborato dal Governo qualche mese fa sull’imprenditoria al femminile, arriva una nuova forma di sostegno anche per le artigiane e le imprese gestite da donne a Roma e Provincia. Ma vediamo insieme di cosa si tratta nello specifico! Parto con il sottolineare che questo bando nasce dall’esigenza di invogliare quante più imprese gestite da donne a investire in tecnologie e soluzioni digitali. Sappiamo che ormai la tendenza è quella di allinearsi a livello europeo su hitech e pubblicità sul web, ma soprattutto su una strumentazione che deve essere al passo con gli altri grandi Paesi dell’UE.

Questo nuovo Sostegno di Imprenditoria al Femminile mira a spostare l’attenzione su importanti temi “digital”. Eccone qui degli esempi:

  • tecnologie digitali e/o soluzioni tecnologiche consolidate che permettono di elaborare, memorizzare/archiviare dati, anche in modalità multilingua, utilizzando risorse hardware/software distribuite o virtualizzate in rete in un’architettura di cloud computing;
  • processi e sistemi di automazione industriale per il miglioramento della qualità del processo produttivo e dei prodotti;
  • processi e sistemi produttivi flessibili, quali sistemi robotizzati “intelligenti”, interfacce evolute uomo-macchina, sistemi di programmazione e pianificazione intelligente dei compiti, in particolare per il miglioramento dell’efficienza energetica dei processi;
  • processi e sistemi di fabbricazione digitale, inclusa l’adozione di tecnologie digitali avanzate a supporto dei processi produttivi (ad esempio stampa 3D, prototipazione rapida, ecc.)

Quali sono i beneficiari del contributo?

Le imprenditrici che possono fare richiesta devono essere obbligatoriamente iscritte al Registro delle Imprese o, nel caso delle Lavoratrici Autonome sono titolari di P.IVA attiva. Ma chi possiamo includere in queste categorie? Lavoratrici autonome, senza dubbio, ma anche tutte quelle società cooperative dove almeno il 60% sia composto da donne. Possiamo considerare inoltre anche tutti quegli studi associati o le società di capitali dove resta questa “soglia di sbarramento” del 60%.

Come è strutturato il sostegno di imprenditoria al femminile

Le spese ammissibili ai fini dell’ottenimento del bando devono essere di almeno 20 mila euro. I costi del progetto da sostenere non devono andare al di sotto di questo limite che deve comprendere: investimenti materiali in software e strumentazioni da installare nella Sede Operativa della ditta. Si comprendono poi tutti quegli investimenti “immateriali” (come acquisto di brevetti, licenze, know-how o altre forme di proprietà intellettuale) e le consulenze specialistiche di settore correlate all’intervento materia di progetto.

Non si possono invece includere nei 20 mila di cui sopra diversi aspetti. Faccio qualche esempio:

  • le spese per l’acquisto di beni usati;
  • fatture o pagamenti precedenti alla data di presentazione della domanda;
  • i costi derivanti da autoproduzione, auto fatturazione da parte del beneficiario e quelli sostenute nei confronti di parti correlate;
  • gli interessi passivi e qualsiasi altro onere accessorio di natura finanziaria.
  • i costi relativi a multe, penali, ammende e sanzioni pecuniarie.

Il sostegno di imprenditoria al femminile infine non prevede un importo superiore ai 30 mila euro. La forma dell’aiuto economico è quella del “fondo perduto” per cui non ci saranno interessi. La misura del contributo poi varia in una forbice tra il 50 e il 70% dei costi ammissibili. 

Per saperne di più o per richiedere il fondo perduto richiedimi una consulenza!

Noi di Studio Pozzana ci occupiamo da sempre di aiutare i nostri clienti nella ricerca di finanziamenti e fa parte dei nostri servizi. Se sei intenzionata a fare domanda e ad avere maggiori informazioni dettagliate su come e quando inoltrare la richiesta per il sostegno, puoi contattarmi direttamente rilasciando nome e mail che trovi QUI.

Per tutti i contatti invece visita la nostra pagina [CLICCA QUI]

 

Articoli popolari

cartella-esattoriale-126b871a Sostegno all’imprenditoria femminile, nasce un nuovo progetto per il Lazio
Sul tema delle cartelle esattoriali, che sta tornando di moda attualmente, ci...
regimeforfettario-05297050 Sostegno all’imprenditoria femminile, nasce un nuovo progetto per il Lazio
Sul tema del regime forfettario legato al familiare coadiuvante ci sono alcun...
limitefatturato-e3348bb5 Sostegno all’imprenditoria femminile, nasce un nuovo progetto per il Lazio
In questi giorni sta prendendo corpo l’idea di alzare il limite del fatturato...
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.